ECONOMIA DOMESTICA

2 cosette da sapere sul canone TV che pagherai a Luglio

Published by:

CANONE TV

Canone TV

Manca poco al primo addebito del canone tv nella bolletta “della luce” di luglio e ci sono ancora dubbi e perplessità da molte parti.

Ma non vedo perché ci debbano essere tutti questi problemi:

1) Non l’hai mai pagato e vuoi continuare a non pagarlo? Fai finta di non avere un televisore ma hai appena preso il 60 pollici a schermo curvo? Che problema c’e’?

Hanno spostato i termini per la dichiarazione di non possesso di apparecchi televisivi al 16 maggio 2016.  La dichiarazione puo’ essere trasmessa sia in forma cartacea che tramite applicativi dell’agenzia delle entrate Fiscotel o Entratel o tramite intermediari abilitati (alcuni commercialisti si stanno divertendo… a spedire dichiarazioni per i loro clienti).

Dal 1 gennaio 2016 non esiste piu’ la procedura di suggellamento e quindi non puoi prendere il vecchio televisore da 98 Kg e chiuderlo in un sacco, sigillarlo con i piombi, fare il bollettino e bla bla bla , come si faceva una volta.

Dal 1 gennaio 2016, si presume che chiunque sia INTESTATARIO di un contratto di fornitura di energia elettrica dove è RESIDENTE anagraficamente, sia anche DETENTORE in un apparecchio televisivo (anche se sei in affitto in un appartamento ammobiliato, comprensivo di televisore non di tua proprietà).

La presunzione però non è retroattiva e quindi non possono essere intraprese azioni di recupero da Agenti di riscossione per le annualità pregresse. Ma da qui in avanti la cosa è diversa: se ti beccano a fare il furbo la multa costa piu’ di un 48 pollici (619 euro per ogni annualità evasa).

Si tratta di una imposta sulla detenzione dell’apparecchio che funziona come il bollo auto. Quello lo paghi perché hai una automobile, non perché la usi. Quindi non puoi dire non pago il bollo auto  perché uso la macchina solo nel weekend.

Allo stesso modo non puoi dire non pago il canone tv perché non guardo la Rai o perché guardo solo Sky.

Non lo dico io ma lo chiarisce la norma e soprattutto le numerose FAQ messe a disposizione sui vari siti informativi.

Quelle più classiche tratte dal sito degli abbonamenti rai

  • Chi deve pagare il canone tv?

Secondo quanto dispone l’Art. 1 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246, (1) il canone tv dev’essere corrisposto da chiunque detenga uno o piu’ apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualita’ o dalla quantita’ del relativo utilizzo (Sentenza costituzionale 12/5/1988 n. 535 – Sentenza Corte di Cassazione 3/8/1993 n.8549).

  • Non guardo mai la RAI, devo pagare il canone tv?

Sì. L’utilizzo dell’apparecchio limitatamente ai programmi delle TV private e straniere, con esclusione delle trasmissioni messe in onda dalla RAI, non esonera dal pagamento del canone tv.

  • Ho una seconda casa devo pagare un altro canone tv?

No. Il canone è dovuto una sola volta per tutti gli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica.

  • Uso l’apparecchio televisivo solo come monitor per il computer o per vedere videocassette, devo pagare il canone tv? 

Sì, in quanto l’obbligo al pagamento del canone tv, secondo quanto disposto dall’art. 1 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246, sorge a seguito della detenzione di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo (Sentenza Corte Costituzionale 12/5/1988 n. 535 – Sentenza Corte di Cassazione 3/8/1993, n.8549). Pertanto, la destinazione dell’apparecchio televisivo ad uso diverso (visione di nastri preregistrati, utilizzazione come terminale o come monitor per video-games) non ne esclude la adattabilità alla ricezione delle trasmissioni televisive, con conseguente obbligo di corrispondere il canone tv.

  • Chi possiede solo un computer privo di sintonizzatore TV o un vecchio televisore analogico deve pagare il canone?No, perché solo apparecchi atti o adattabili a ricevere il segnale audio/video attraverso la piattaforma terrestre e/o satellitare sono assoggettabili a canone TV. Ne consegue che di per sé i computer, se consentono l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet e non attraverso la ricezione del segnale digitale terrestre o satellitare, ed i vecchi televisori analogici non sono assoggettabili a canone (nota Min. Sviluppo Economico 22 febbraio 2012).
  • La titolarità di un contratto per la visione di trasmissioni tramite satellite o via cavo esonera dal pagamento del canone tv?No, in quanto l’obbligo al pagamento del canone tv, secondo quanto disposto dall’art. 1 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246, sorge a seguito della detenzione di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive.
  • Tablet, pc, smartphone, non costituiscono apparecchi televisivi in quanto sprovvisti di sintonizzatore per il segnale del digitale terrestre o satellitare (3) – Dalla nota del Ministero per lo Sviluppo Economico del 20 aprile 2016.

2) A luglio pagherai 70 euro. #Sappilo!

Quest’anno il canone verrà abbassato a 100 euro (l’anno scorso costava 113,50 se pagavi in un’unica soluzione entro il 31 gennaio 2015).

La prima rata di 70 euro sarà accorpata a Luglio con le rate dei mesi di Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, Maggio e Giugno e si sommerà alla bolletta della luce. Il resto sarà presumibilmente pagato nelle fatture restanti (le rate sono 10, mensili).

Siamo fortunati ma continuiamo a lamentarci. Siamo in Europa (per quelli che sono contenti) ma non guardiamo a quello che succede fuori dal nostro giardino (2). Ad esempio, nel Regno Unito, pagano circa 184 euro. L’introito va alla BBC che riceve anche altri aiuti dal , mentre alla Rai tocca “arrangiarsi” con Canone (girato dal Ministero dello Sviluppo Economico in base al Contratto Nazionale di Servizio, triennale  e pubblicità.

Da loro, tutti devono pagare, anche con smartphone, tablet e pc,  SE visualizzano programmi televisivi “in diretta” (4). Non è dovuto invece per la visione di programmi “on demand” (5). E pagano anche per la seconda casa (6).

Fuori dalla Unione Europea, ma vicino a casa nostra, in Svizzera, tra canone radio (che noi non paghiamo per usi domestici) e televisione (non importa che tipo di hardware si usi) per famiglia si arriva a circa 450 euro all’anno (7)

In Italia (per il momento) la distinzione si fa solo sul tipo di apparecchio che deve prevedere un sintonizzatore

Ma, se a casa ti limiti a guardare Netflix, Skyonline, Infinity, Youtube  o simili, attraverso un bel monitor (che non sia TV), in streaming anche non on demand, puoi non pagare il canone. 

Non paghi anche se hai piu’ di 75 anni ed un reddito inferiore a 6.713,98 euro che potrà essere aumentato in futuro.

Ora non ti sto qui a elencare tutte le particolari situazioni per richiedere l’esenzione. (Ci sono casi concreti sui siti indicati nell’articolo ed in particolare qui).

E ti ricordo che in questa sede ho parlato del canone ordinario, non quello speciale (b).

Ti consiglio di leggere le Risposte alle domande frequenti sul canone svizzero (che sono in Italiano), tanto per sentire il tono con il quale rispondono a chi vorrebbe non pagare… (8)

Quindi concludo con “mal comune mezzo canone” e ti do appuntamento al prossimo articolo, tenendo presente che provvederò ad aggiornare le informazioni qui presenti qualora diventassero obsolete o inesatte, lasciandoti qui sotto le fonti dove potrai approfondire norme, aggiornamenti e quanto ti può servire per il tuo caso specifico.

Fonti:

(1) Regio Decreto: http://www.normattiva.it/atto/caricaDettaglioAtto?atto.dataPubblicazioneGazzetta=1938-04-05&atto.codiceRedazionale=038U0246&currentPage=1

(2) https://it.wikipedia.org/wiki/Canone_televisivo

(3) http://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/Nota_20_aprile_2016_definizione_apparecchiTV.pdf

Le risposte alle domande frequenti: http://www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/faq.aspx

Le risposta alle domande frequenti dell’AGENZIA DELLE ENTRATE – http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Canone+TV/Scheda+Faq/

Le risposte alle domande relative alla dichiarazione : http://www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/RisposteFAQ.aspx?ID=107

http://www.canone.rai.it/

(b) Il nuovo servizio gratuito “Pronto la Rai” consente agli abbonati di risolvere telefonicamente gran parte delle casistiche riguardanti sia i canoni televisivi ad uso familiare che quelli fuori dall’ambito familiare, come ad esempio gli esercizi pubblici. http://www.prontolarai.it/main/

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/comunicazioni/televisione/rai

Bilancio RAI 2014:   http://www.rai.it/dl/docs/1433333005555Bilancio_31_12_2014_ver2.pdf

Bilancio BBC:   http://downloads.bbc.co.uk/annualreport/pdf/2014-15/BBC-FS-2015.pdf

http://www.bbc.co.uk/aboutthebbc/insidethebbc/whoweare/licencefee/#heading-about-the-licence-feehttp://www.tvlicensing.co.uk/

(4) http://www.tvlicensing.co.uk/check-if-you-need-one

(5) http://www.tvlicensing.co.uk/check-if-you-need-one/topics/Live-TV-and-how-you-watch-it

(6) http://www.tvlicensing.co.uk/check-if-you-need-one/for-your-home/second-home-aud8

(7) https://www.billag.com/privati/panoramica-dei-canoni/

(8) http://www.srgssr.ch/it/canone/canone-radio-tv/faq/

Nel caso non lo avessi ancora letto, è disponibile il mio Decalogo del Risparmio Automatico