Indice clima di fiducia dei consumatori

Cala la fiducia dei consumatori e delle imprese a Luglio 2015. Che sia il caldo?

Published by:

fiducia consumatori luglio 2015

 

Dopo il “recupero” di giugno, arriva una pausa di “riflessione” a Luglio, per gli indici di fiducia dei consumatori e delle imprese.

L’indice che misura il clima di fiducia dei consumatori passa da 109,3 a 106,5 mentre quello relativo alle imprese, da 104,7 a 104,3.

Entrambi gli indici hanno base 2010=100.

Per quanto riguarda il clima di fiducia dei consumatori, sono calate tutte le componenti dell’indice, in particolare il clima economico e le aspettative per il futuro. Il clima personale diminuisce in modo meno marcato. Tuttavia peggiorano i giudizi sull’opportunità attuale di acquisto di elettrodomestici e prodotti elettronici, le intenzioni di acquisto di autovetture, abitazioni e ristrutturazioni di abitazioni.

Per quanto riguarda i giudizi e le attese dei consumatori sulla situazione economica Italiana attuale, assistiamo ad un peggioramento abbastanza marcato (saldo da -57 a -69) accompagnato dal peggioramento delle attese di disoccupazione (saldi da 10 a 28)

Per quanto riguarda le imprese, si “salva” il clima delle imprese dei servizi di mercato e quelle del commercio al dettaglio. Il settore manifatturiero e quello delle costruzioni, invece, sconta un clima di fiducia in diminuzione, con quest’ultimo settore che vede il calo di tutti i componenti sia di giudizio che di attesa, compresa l’occupazione.

Insomma un quadretto non proprio roseo, quasi in contrasto con le notizie di uscita dal tunnel della recessione, che ci arrivano dall‘ABI nel suo Rapporto AIFO 2015-2017.

Mentre il Fondo Monetario Internazionale, nel suo rapporto sullo stato dell’eurozona, ci avverte che per tornare ai livelli di occupazione degli anni dal 2001 al 2007, all’Italia serviranno ancora altri 20 anni!

fmi

 

anche se il MEF dice che non è vero perchè “non tengono conto delle riforme”. (vedremo chi avrà ragione….)

La Confersercenti vede la ripresa fra 10 anni, ma intanto ogni ora chiudono quattro negozi.